Basta Gomorra: l’Albero delle Storie racconta un’altra Scampia

Basta Gomorra: l’Albero delle Storie racconta un’altra Scampia

Davide Cerullo, dalla camorra alla ludoteca l'Albero delle Storie: "Qui i bambini possono essere bambini. Scampia ha bisogno di normalità".

I simboli che si trasformano in gabbia, le persone che li abitano in animali da fotografare, imprigionati dalle sbarre del pregiudizio e di una narrativa sanguinaria che, pur riscuotendo successo anche oltreoceano, nuoce soprattutto a Scampia.

Un urlo dipinto sul cemento – “Le vele non sono uno zoo” – accoglie le persone che raggiungono il quartiere per fotografare i luoghi di Gennaro Savastano e Ciro l’immortale (i due protagonisti della serie tv Gomorra). Per visitare un set nel quale il confine tra finzione scenica e realtà è stato cancellato dalla storia e della televisione.

Io ci sono stato accettando un invito: “Veniteci a trovare”, aveva detto Davide Cerullo a conclusione di un suo intervento a Bologna, durante il quale ha raccontato la sua storia.

Questo articolo è stato pubblicato su www.informazionesenzafiltro.it

Altri racconti

Restiamo in contatto

Copyright 2021 © All rights Reserved. Design by Elementor

Telegram è l'app che preferisco. Puoi entrare nel mio canale cliccando sul bottone qui sotto.

Gli insuperabili
il podcast

il mio canale preferito

Telegram è il canale che preferisco.  

Quasi tutti i giorni posto un piccolo “editoriale” audio e se ti piace quello che c’è su questo sito non perderti neanche un contenuto entrando a far parte della community.